Anteprime
2 commenti

FIFA 15 Hands on

il 11 settembre 2014 (10:03) di @Demonico7
Redazione
Aspettativa


 

A poco più di due settimane dalluscita di FIFA 15 nei negozi, la versione dimostrativa rappresenta unottima occasione per indossare gli scarpini e scendere sul campo di nuova generazione imbastito da EA Sports per quella che è lultima prova prima di mettere le mani sul gioco completo. Disponibile dal 9 settembre solamente su Xbox One e dal giorno successivo anche per PlayStation 4, PS3, Xbox 360 e PC, la demo permette di utilizzare otto squadre, nello specifico Barcellona, Liverpool, Manchester City, Chelsea, PSG, Borussia Dortmund, Napoli e Boca Juniors, in una classica partita amichevole.

La prima cosa che salta allocchio una volta avviato il gioco è sicuramente il comparto grafico, ancora più rifinito e ottimizzato rispetto a quanto visto con le versioni next-gen del precedente capitolo. Gli ottimi modelli poligonali dei giocatori, fedeli sotto ogni punto di vista alle controparti reali, rappresentano solamente la punta del proverbiale iceberg, che vive di tutta una lunga serie di elementi che contribuiscono al raggiungimento di un risultato che si avvicina anno dopo anno al calcio reale. Movimenti, look e attitudine comportamentale di ogni singolo calciatore, almeno dei più famosi, sono perfettamente riconoscibili. Gli elementi di contorno lasciano infatti trasparire una cura e unattenzione maniacale nei confronti dei dettagli, come nel caso dei tifosi, ora più definiti che mai e impegnati a supportare la propria squadra del cuore con coreografie e cori reali, così come il campo di gioco, che va deteriorandosi ad ogni passo dei 22 uomini in campo, fino ad arrivare al termine della partita con tutti i segni di usura, senza trascurare le divise dei calciatori, che si sporcano proprio come accade in una vera partita di calcio. Tra i tocchi di classe di questa nuova edizione ci sono rimasti negli occhi i ciuffetti derba che si alzano insieme al pallone ad ogni bordata e la rete che si gonfia seguendo il movimento della sfera appena insaccata, senza tralasciare la fisica dei capelli, che si muovono ora in modo naturale e abbandonano quellaspetto squadrato e anonimo visto in passato.

FIFA 15 screenshot_3

Fin dalla prima partita appare evidente che EA Sports è riuscita a raggiungere un ulteriore livello per quanto riguarda il controllo dei giocatori e una precisione nei movimenti senza precedenti, come dimostra la possibilità di liberarsi degli avversari senza perdersi nelle skills, anche se le differenze in termini di abilità tra i giocatori sono molto più marcate, e chi è dotato di caratteristiche uniche avrà una marcia in più, anche se tali abilità dovranno essere padroneggiate al meglio per poter risultare efficaci. Un giocatore come Eden Hazard, ad esempio, risulta micidiale se si sfruttano tutti i suoi giochetti per dribblare gli avversari, mentre se lanciato semplicemente in avanti come attaccante di sfondamento, il buon esito dellazione diventa molto più incerto. In questa edizione, in particolare, il fisico di ogni atleta sembra avere, scusate il gioco di parole, il giusto peso allinterno delle varie azioni, sia per quanto riguarda i piazzamenti in area sia in ambito difensivo. Tante migliorie anche per quanto riguarda le animazioni dei giocatori, ora molto più convincenti, e la fisica della palla, che porta a cross tesi e sempre insidiosi, così come a conclusioni da veri fuoriclasse, sorprendendo il portiere con un tiro a giro imparabile. La gestione del pallone è, come da tradizione, molto ragionata, con una propensione al fraseggio e al possesso palla. Per avanzare fino alla porta avversaria, soprattutto giocando ai livelli di difficoltà più elevati, è infatti necessaria unattenta analisi del pallone, monitorando i movimenti dei propri compagni e scambiando al momento giusto. Arrivati di fronte al portiere, i tiri non sono più bordate micidiali e imprendibili, ma risultano molto più credibili in termini di realismo. Tirare di potenza significa, spesso e volentieri, spedire la palla sopra la traversa. A causa di tanti fattori, ultimo ma non ultimo lestremo difensore, di cui parliamo più avanti, segnare è molto più difficile rispetto al passato, chiaro segno che le partite disputate online godranno -finalmente- di un maggiore equilibrio.

fifa-15-screenshot7

La presenza delle squadre appartenenti alla Premier League, tre in questa versione dimostrativa, permette di dare uno sguardo ravvicinato alle licenze ufficiali del campionato inglese, che si traducono nella perfetta riproduzione di tutti e venti gli stadi della categoria, i loghi ufficiali, i tabelloni dei punteggi e la grafica tipica della Barclays. Si tratta senza dubbio di una grande implementazione, che va ad arricchire ulteriormente la già vasta offerta proposta dal prodotto EA. La demo, del resto, inizia proprio facendoci giocare unipotetica finale di campionato tra Liverpool e Manchester City, che consente di guardarsi intorno e iniziare a contare le differenze con il predecessore. Le modifiche apportate allaspetto dei menu di gioco coinvolgono anche il team management, simile a quello visto in PES, con un esagono che indica le caratteristiche principali e i punti di forza di ogni giocatore. Il titolo permette inoltre di salvare fino a sei formazioni, caratteristica che tornerà particolarmente utile in modalità Carriera, in cui occorre essere preparati ad ogni evenienza e impostare il proprio stile di gioco in base allavversario che si trova davanti.

FIFA 15 screenshot_1

FIFA 15 screenshot_2

Discorso a parte per i portieri, che hanno beneficiato di un incremento dellintelligenza artificiale, che li ha resi molto più preparati sulle uscite e sui lanci lunghi, e ben 50 nuove animazioni dedicate. In caso di deviazione della palla, il portiere potrà cambiare la direzione del suo tuffo e tentare così limpresa, feature non disponibile in FIFA 14, in cui se lestremo difensore si tuffava a sinistra non poteva spostarsi a destra ma continuare nella direzione inizialmente stabilita. Alcune papere non mancano, ma la nostra prova ha rivelato un buon lavoro svolto da EA Sports, con lestremo difensore decisamente più affidabile che in passato. I tiri da fuori, a parte qualche occasionale circostanza, non sortiscono più leffetto sperato, mentre la maggior parte delle conclusioni di testa verrà sventata da una provvidenziale uscita del portiere. Ovviamente i migliori calciatori, oppure i patiti dei giochetti palla al piede, troveranno comunque il modo per superare lultimo ostacolo tra loro e la rete, tentando addirittura il tunnel per insaccare la sfera in maniera spettacolare. Gli sviluppatori hanno inoltre lavorato molto sui colpi di testa, ora di molto depotenziati, un vero e proprio marchio di fabbrica del precedente capitolo del franchise. I giocatori più abili nei colpi di testa, come Mats Hummels, segneranno comunque, certo, ma sarà molto più raro andare a segno con Messi, ad esempio, specie se marcato da difensori alti e di peso.

A fronte di una fluidità senza precedenti, un motore grafico rinnovato e prestante e tanti piccoli grandi tocchi di classe, FIFA 15 sembra avere tutte le carte in regola per essere definito il primo simulatore calcistico realmente next-gen. Attendiamo di mettere al più presto le mani sulla versione completa per fugare ogni dubbio e confermare lottima impressione che ci ha fatto questa versione dimostrativa, ricordandovi che lappuntamento è fissato al prossimo 25 settembre, quando la simulazione di Electronic Arts si renderà disponibile nei negozi europei su praticamente tutti i formati presenti sul mercato.


FacebookRedditPocketPrint


Primo impatto
 

EA Sports riesce ogni volta nell'intento di ottimizzare sempre di più il suo franchise ad ogni edizione, e FIFA 15 non fa eccezione. Le impressioni pad alla mano sono davvero ottime, e il gioco scorre con una piacevolissima fluidità. Il controllo dei giocatori e la precisione nei movimenti, insieme all'aspetto dei giocatori più famosi, in tutto e per tutto simili alle controparti reali, sono parte di un insieme caratterizzato da una maniacale attenzione ai dettagli, come dimostrano i replay di chiara matrice televisiva e i ciuffetti d'erba che accompagnano il pallone ad ogni bordata.
FIFA 15 segna un ulteriore passo in avanti in direzione della simulazione di calcio più completa possibile, e attendiamo di confermare le nostre impressioni non appena sarà disponibile il gioco completo.

Aspetti positivi

Portieri molto più intuitivi e difficili da superare;
Ottima fluidità;
Controllo dei giocatori senza precedenti;
Un ulteriore passo in avanti verso la simulazione totale;

Dubbi e perplessità

Calciatori un po' legnosi a gioco fermo;

  • Alessandro Baravalle

    Unaltro elemento che hanno migliorato sono i filtranti altri. Ora è praticamente impossibile scavalcare al difesa in questo modo mentre in FIFA 14 era facilissimo abusare di questi passaggi

  • Davide Demonico

    Sì, funzionano molto di meno, così come i colpi di testa. Sono rimasto positivamente colpito dai portieri, quasi sempre pronti al dovere e belli tosti da superare.